Netural Kids Category

1290

8 agosto 2018 • netural family, Netural Kids

Ode alla famiglia in adolescenza

Sono mamma di tre figli meravigliosi, tanto desiderati e altrettanto impegnativi, com’è giusto che sia per tre bambini di età diverse tra loro. Ops, per due bambini e un ragazzo…

di Mariella Stella

C’è la piccola, l’ultima arrivata in famiglia, la femminuccia tanto attesa, un peperino vero di soli 13 mesi, il quattrenne con una carriera da attore consumato e animale da palcoscenico e c’è lui, il ragazzo, quasi 12 anni tra poco più di un mese, appena entrato in adolescenza.

Si perchè i tempi sono cambiati, si diventa adolescenti molto prima di noi, e noi abbiamo scoperto che in famiglia ci siamo dentro.

L’abbiamo attesa con timore l’innominabile, quasi con terrore stando ai racconti degli amici che già ci avevano a che fare, racconti da far tremare i polsi. Ma noi abbiamo deciso che non potevamo lasciare che ci avesse, che ci stritolasse nelle sue spire, abbiamo studiato noi, abbiamo provato a leggere libri per prevedere lo tsunami che stava per abbattersi sulla nostra famiglia, abbiamo fatto fiumi di discorsi su come sarebbe stato e su cosa non avremmo mai dovuto fare e dire, perchè “Quando eravamo adolescenti noi, altro che comandare…”

Poi silenziosamente (neanche troppo in realtà), e inesorabilmente, le porte dell’adolescenza si sono aperte e senza rendercene conto, chiedendoci se in realtà non fosse già successo da qualche anno e non ce ne fossimo accorti, ci siamo ritrovati a vivere con una persona nuova in casa.

Il primo indizio lo abbiamo trovato una mattina entrando in camera sua. Un odore acre, da adulto, ci ha travolti, soffocando in gola il consueto “Buongiorno” del mattino e da quel momento una nuova domanda ha cominciato a farsi ricorrente nelle nostre giornate insieme: hai fatto la doccia?

Una domanda per nulla scontata, che se in passato rappresentava niente altro che una gioiosa affermazione da condividere con i nostri piccoli, del tipo: Evviva, bagnetto!! oggi assume i contorni di una domanda non troppo retorica e che spesso conosce una risposta ricorrente: Perchè? Puzzo? E allora giù con tutti gli insegnamenti appresi rispetto al fatto di non far sentire un adolescente un problema, sul fatto di non usare linguaggi che possano urtarne la sensibilità, sulla delicatezza educativa da adottare per non scalfire l’autostima, sempre ballerina a quella età.

Abbiamo provato a usare risposte del tipo: No, vabbè, che c’entra, magari ti va di fare una doccia, magari ti fa sentire meglio, etc.

Dopo alcuni mesi però abbiamo capito che la risposta più efficace è soltanto una: “Si puzzi!” e lui, con fare svogliato e provando a difendere invece la nobilità degli odori, si chiude in bagno, scocciato, per darsi una lavata.

Dopo alcuni mesi di adolescenza in famiglia abbiamo capito che con un adolescente, spesso, le domande e le risposte dirette possono essere molto più efficaci dei giri di parole. I giri di parole li usavi quando erano piccoli, quando per invitarli a mangiare raccontavi storie fantastiche di patate animate e regni delle verdure, oggi se solo provi a usare una metafora poetica per descrivere un fatto quotidiano lo vedi alzare le sopracciglia ad arco a tutto sesto e guardarti sconvolto. Allora devi ricorrere a parole concrete e dimostrare di essere perfettamente padrone di te stesso per comunicare quello che vuoi dire, per evitare poi che il discorso prenda una deriva lessicale umiliante.

Che dire, forse ci è capitato l’adolescente più razionale e precoce della terra, ma tant’è, ne prendiamo atto, la sfida è di quelle impegnative.

Il fatto è che tutti gli insegnamenti che gli hai trasmesso da bambino e che sembrava aver appreso così bene, vengono usati contro di te, prima che tu possa anche solo immaginare come.

E così “Amore, devi imparare a cavartela da solo” si traduce in una assenza di comunicazioni alla prima vacanza senza genitori, e alla domanda: “Amore ma perchè non mi hai chiamato?” segue la risposta “Mamma io so badare a me stesso, se non ti chiamo vuole dire che sto bene, se stessi male ti chiamerei” … ecco… o per esempio, al primo giudizio crudo espresso su un insegnante o una ragazza, di fronte al tuo invito a non dire proprio tutto ciò che gli passa per la testa, lui replica con competenza: “Beh mamma, non mi hai insegnato tu ad esprimere le mie idee e ad essere libero nel pensiero?”

Non è facile, vi assicuro, roba che metterebbe in difficoltà anche i migliori avvocati in circolazione. Fondamentalmente, un mucchio di sfide mentali e concrete che potrebbero generare crisi di identità nei genitori, moti di sconforto e sedute dallo psicologo.

E poi, se c’è una fortuna particolare e inconfutabile che è toccata in dote a noi genitori di adolescenti del terzo millennio e nativi digitali, è indubbiamente la scoperta delle scoperte: il cellulare.

Rispetto a quello non c’è manuale che tenga, non c’è letteratura nè vita vissuta, non c’è un riferimento educativo ai nostri genitori, se non, al massimo, fare riferimento a quando mettevano il lucchetto al telefono della SIP per non farci passare i pomeriggi a chiacchierare con le amiche. Rispetto a quell’oggetto diabolico, il cellulare, nel binomio con l’adolescente, non c’è sportello di aiuto, è tutta da inventare la strada.

Non starò qui a dirvi quali tecniche abbiamo messo in campo per contare il tempo e i minuti a disposizione, in un gioco delle cifre da far diventare scemi, soprattutto se mentre fai i conti, hai un quattrenne che sta tenendo uno spettacolo di giocoleria di cui ti considera il pubblico e una poppante che sta imparando a camminare arrampicandosi sui mobili. Insomma, quello strumento là è tutto da capire, servirebbero tavoli di confronto tra genitori in cui utilizzare il problem solving creativo per trovare soluzioni a prova di bomba.

In realtà questo tavolo non c’è ancora, e capita di sentirsi soli con un adolescente e di scoraggiarsi, di sentirsi a tratti deboli e spesso stanchi e sbagliati. Ed è così che mi sono sentita in questo primo anno di adolescenza in famiglia, fino a quando, dopo un pomeriggio di discussioni estenuanti su tutto, un giorno, guardandolo nel suo spazio, con i suoi amici, libero di esprimersi, ho capito una cosa.

Ho capito che forse il primo problema dell’adolescenza dei nostri figli è l’impatto che ha su di noi, sulle nostre certezze, sulle nostre convinzioni, sui nostri programmi per il futuro, sulle nostre comfort zone.

Forse l’adolescenza dei nostri figli è una prova di identità per noi, non solo per loro e probabilmente è la migliore opportunità che ci sia per far pace con se stessi e con i propri fantasmi.

L’adolescenza dei nostri figli rompe completamente i nostri schemi, ci obbliga a costruire nuove risposte o quantomeno a considerarle, ci obbliga ad andare oltre i dogmi della nostra educazione e a guardare anche ad altre soluzioni.

Mi spiego, non voglio dire che si debba fare ciò che dicono i nostri figli, per carità, ma intendo dire che forse dovremmo guardare con occhi nuovi alle sfide che ci propongono di affrontare.

Quel giorno in cui ho guardato mio figlio adolescente con altri occhi ho scoperto anche delle cose bellissime.

  1. Ho scoperto di aver messo al mondo un essere umano unico, splendido nelle sue contraddizioni e ribellioni, vivo nelle sue proteste e nei suoi tentativi di autoaffermazione;
  2. Ho scoperto che quell’uomo lì ha dei gusti, magari lontanissimi dai miei, ma, evviva, sono i suoi, tutti suoi, senza condizionamenti. E ho pensato che non avrei voluto scoprire di non avergli dato uno spirito critico e la capacità di scegliere ciò che ama e ciò che no.
  3. Ho guardato al suo nuovo stile, forse troppo omologato lo confesso, ma nuovo, con un suo perchè di fondo, e anche se alla ricerca di omologazione per ora, in fondo credo che sia il segno della voglia di sentirsi parte di una comunità di riferimento.
  4. Ho imparato ad ascoltare le sue idee, spesso diverse dalle mie, ma davvero interessanti vi assicuro su molti fronti, e quelle idee spesso aprono mondi nuovi anche per me.
  5. Ho scoperto nuova musica. Voi la conoscete la trap? Io non la conoscevo, ora sì, certo: Vegas Jones, Ghali, i Dark polo gang… che dire… ci sono dei pezzi che mi piacciono proprio, e soprattutto adoro cantare con lui quei pezzi, mi fa sentire in squadra con il mio ragazzo e sento che lui adora farlo con me, anche se, ovviamente, non lo dice!
  6. Ho imparato a camminare insieme a lui senza sbaciucchiarlo e tenergli la mano, tanto poi lui mi abbraccia quando meno me lo aspetto a casa, mi dice mille volte che mi vuole bene, ma in pubblico è così, non si usa tanto da adolescenti e va bene lo stesso, non sarà questo a mettere in dubbio l’amore che ci lega.
  7. Ho imparato che se provo a trasformare la dialettica accesa che si innesca tra noi su certi argomenti in dialettica costruttiva, ascoltando le sue ragioni, mettendo in chiaro che non voglio cambiarlo o che non voglio obbligarlo ad ogni costo a fare ciò che dico, le cose si mettono meglio per tutti.
  8. Ho capito che se stabiliamo delle regole comuni e condivise e se siamo i primi a dare l’esempio nel rispettarle, è più facile che lui le rispetti, anche quando è faticoso.
  9. Ho imparato che se lo guardo per quello che sta diventando, un uomo nuovo in crescita, se gli faccio sentire che esiste con tutte le sue “specialità” e contraddizioni per noi, che non è un problema la sua adolescenza, ma un’occasione fantastica di crescita per tutta la famiglia, lui si sente accolto, si sente al posto giusto.
  10. Infine, ho imparato che ci vuole tanta pazienza con un figlio adolescente in casa, tanta tolleranza e tanta apertura alla diversità, ma che forse è proprio ora, proprio in questo momento, che noi stessi stiamo diventando adulti migliori con lui.

La famiglia in adolescenza, in fondo, può rendere tutti migliori e se considero che siamo solo ai 12 anni, avremo ancora molto, molto tempo per migliorare. 🙂

 

condividi suShare on Facebook115Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Giro del mondo formato famiglia

Siamo felici di chiudere questo 2017 con un nuovo ingresso a bordo di Netural Family: la super mamma Rita Scalcione, nuova editor del nostro blog! Rita è materana, sposata con Marcello, ha due figli, Mia e Alberto, organizza eventi e adora viaggiare. Ne leggeremo delle belle, preparate le valigie!

rita

La passione per i viaggi accomuna molte persone e sì, io sono una di quelle che almeno una decina di volte nella vita ha pensato di mollar tutto e partire per uno di quei viaggi a lungo termine, di quelli che ti fanno fare il giro del mondo, di quelli che sai quando parti e non sai quando torni.

Ecco il giro del mondo è uno dei miei sogni nel cassetto. Solo che poi la vita , si sa, prende la sua strada e poi, e poi… e poi ti ritrovi a trentaquattro anni con due figli che fanno 5 anni in due e non hai il coraggio nemmeno di andare a cena al ristorante sotto casa. L’avventura più grande da raccontare diventa di quella volta che sei uscita da sola con entrambi a  prendere un gelato alla gelateria  in fondo alla strada e sei riuscita a tornare a casa senza che nessuno dei due si sia buttato a terra piangendo,  fatto cadere il gelato addosso a qualcuno,  fatto sceneggiate melodrammatiche davanti alla vetrina della libreria. (Però giuro che siamo tranquillamente sopravvissuti ad 11 ore di volo 😉 )

Quindi? Dicevamo? Il giro del mondo? Con due bambini? Piccoli?

In Italia è una pratica ancora poco diffusa, ma all’estero, soprattutto in Australia, le travelling family sono tantissime. Famiglie che hanno scelto di vendere o fittare la propria casa per diventare nomadi, riuscendo a lavorare in modo flessibile.  

Nel 2016 , su Instragram, ho cominciato a seguire il grande viaggio di Courtney e Michael Adamo, che hanno deciso di abbandonare la loro vita a Londra e girare il mondo per un anno intero con i loro quattro figli. “Ai genitori che leggendo la nostra storia pensano che sia troppo difficile dico semplicemente di buttarsi. Non preoccupatevi delle cose che lasciate indietro, perché ciò che troverete di fronte a voi è molto meglio. Ciò che vi lasciate alle spalle sarà lì quando tornerete“.

adamo-family-in-byron-bay

Photo credit: Courtney Adamo

Certo il loro viaggio non si può proprio definire low cost , ma oggi ci sono diversi modi per  poter viaggiare con i bambini non spendendo un patrimonio, magari su un mezzo ecosostenibile ( barca a vela o bicicletta per i più avventurosi) o sfruttando la sharing economy (per gli spostamenti ma soprattutto per gli alloggi).

Se decidete di partire in aereo esiste una sorta di Interrail dell’aria. Si chiama RWT (Round the World Ticket) e ti permette di fare il giro del mondo in aereo in un anno e con un numero limitato di miglia e scali da poter fare in questo arco di tempo ( qui maggiori dettagli).

Per quanto riguarda invece gli alloggi, per una famiglia la scelta più comoda è certamente quella di appartamenti , sia per ridurre un po’ i costi che per il confort dei bambini ( preparare i pasti a casa ad esempio ). Oltre al più classico Airbnb, ci sono molti siti che offrono alloggi con il principio dell’economia della condivisione.

Ma Come funziona? Ci sono divere piattaforme online che consentono di iscriversi pagando una fee annuale per poter accedere ad un database di profili di Host  che ospitano in cambio di ore di lavoro. C’è i WWoof che si occupa più che altro di lavori nelle fattorie biologiche , Helpx oppure Workaway che permette di trovare lavori di ogni tipo. Questo certamente è il modo più bello e immediato per entrate in contatto con la cultura del luogo.

Altra soluzione è quella dello scambio casa. Anche qui ci sono diversi siti affidabili ( il più famoso è HomeExchange) che ti permettono di inserire la tua casa per ospitare un viaggiatore e cercare tra migliaia di case in tutto il mondo. Chiaramente non tutti sono disposti ad ospitare una famiglia ma nei profili si possono cercare le sistemazioni più family friendly.

 

Per quanto mi riguarda , per non scombussolare troppo i piani, un viaggio di questo tipo e soprattutto a lungo termine andrebbe fatto quando i bambini non frequentano ancora la scuola dell’obbligo. Dopo diventerebbe più complicato , anche se sono più che convinta che viaggiare sia l’esperienza di vita e la scuola migliore che possiamo regalare ai nostri figli.

Attualmente sto seguendo con grande interesse le avventure della famiglia Miljian. Julian, Miki ed i piccolissimi Teo e Lia sono partiti per il loro viaggio attorno al mondo a settembre. Attualmente sono in Vietnam. Il loro sito è pieno di storie e consigli utili e il loro profilo Instagram crea dipendenza per la bellezza delle immagini e degli aneddoti raccontati del loro incredibile viaggio.

Nel suo diario Miki scrive

“I nostri figli sono piccoli, ed é proprio vero, siamo noi a decidere per loro. Ma lo stiamo facendo

  • per insegnargli che il mondo é grande, e vale la pena scoprirlo tutto
  • per imparare insieme a loro l’importanza dell’umiltà, dell’aiutare e dell’essere aiutati
  • per comprendere il profondo senso del rispetto, della gente, dei popoli, degli umani, vivendo al loro ritmo
  • per sentire con loro il profumo di ogni luogo del mondo
  • per apprezzare i sorrisi sulle facce di tutto il mondo, bianchi, neri, gialli, a pois o a righe, un sorriso é bello in ogni parte del mondo
  • per imparare a vivere con un bagaglio piccolo, ma con un cuore grande
  • per scrivere insieme a loro il più bel diario di vita che esista

 

16464003_604294493096170_4319429282234368000_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Photo Credit www.likemiljian.com

A noi piace viaggiare così, e a voi?

Buon viaggio in famiglia a tutti!

Rita Scalcione

condividi suShare on Facebook98Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Città a “dismisura” di famiglia

Avete mai provato a fare un giro in città con un neonato?

di Mariella Stella

Se la risposta è sì allora saprete di cosa parlo.

Io vivo in una città poco family friendly ed è una fatica star fuori delle ore per godersela.  Spesso è così complesso che ho la tentazione di restare a casa. Quando immagino un’uscita in 5, con tre figli di età diverse, il problema numero uno è trovare un posto davvero accogliente per tutti.

Il problema numero due, invece, si chiama “cambio del pannolino”. Senza esagerare, è una fatica vera trovare spazi pubblici e privati che offrano il servizio e che soprattutto te lo comunichino con un adesivo, un cartello, un semplice adesivo.81ysellSoZL._SY355_

E così il più delle volte il cambio della piccola avviene nel passeggino, nel frastuono generale,davanti a sconosciuti, in auto sul sedile posteriore, una volta persino su una sedia, messa “gentilmente” a disposizione dalla pizzeria 🙂

Ma quanto sarebbe civile , invece, far sentire i nostri figli “accolti” dalla comunità fin da piccoli?

è così difficile arrivarci? Ancora più sconcertante è il fatto che persino i grandi marchi di prodotti per bambini non prevedono nei loro punti vendita un fasciatoio (benché ne vendano a bizzeffe) o un angolo allattamento.

“C’è il camerino, signora” rispondono angelici, mentre tu resti sconcertata per aver scoperto che chi di bambini si occupa a livello commerciale non riesce ad interpretare i bisogni fondamentali di una famiglia.

Per scaldare le pappe la situazione migliora, è sempre più frequente, infatti, trovare ristoratori disponibili a scaldare pappe o a preparare persino pastine portate da casa.

C’è da augurarsi che sia sempre più così, ma, in realtà, più che un augurio dovrebbe essere la regola e forse i tempi sono maturi per dare alle famiglie e ai nuovi nati il calore che meritano in città.

A Matera, con l’Associazione MOM, stiamo realizzando la prima “guida alla città accogliente” per i neonati  e  le loro famiglie.

Vi terremo aggiornati!

Intanto, se volete segnalarci iniziative simili in altre città, scrivete a hello@neturalfamily.com, le promuoveremo tramite i nostri canali e sulla nostra mappa dell’Italia family friendly.

 

 

condividi suShare on Facebook4Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Quanta acqua serve al giorno ai bambini? Scopri il decalogo della corretta idratazione!

IMG_7600
Come vi abbiamo annunciato su Facebook, abbiamo recentemente partecipato ad un evento organizzato da Nestlé Vera al Museo dei Bambini di Milano, un centro permanente di progetti culturali e artistici e anche di sperimentazione sensoriale per bambini dai 2 agli 11 anni.

Abbiamo chiesto a Erika e Raffaella – le fondatrici di QF, un co-working milanese con spazio per i bambini che é parte del nostro network – di rappresentare NETural Family e ne sono state davvero felici!

L’evento era ispirato alle favole della buonanotte e focalizzato sui messaggi della corretta idratazione: attraverso un laboratorio creativo sperimentale, i bambini hanno giocato a costruire una fiaba collettiva sul ruolo dell’acqua negli equilibri del nostro Pianeta e per il corpo umano.

Come vi raccontavamo, l’evento é stata anche l’occasione per scoprire il nuovo formato da 25cl della bottiglietta di acqua Nestlé Vera KIDS con un tappo 100% sicuro anti soffocamento pensata apposta per i bambini e per conoscere il decalogo della corretta idratazione redatto in collaborazione con la Societá Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPSS) e abbiamo scoperto davvero cose interessanti che non sapevamo! Eccole.

 

decalogo nestle

Come si riconosce un’acqua adatta ai bambini?

Noi siamo grandi sostenitrici dell’allattamento al seno e adesso ancora di piú da quando abbiamo scoperto che il latte materno soddisfa i bisogni idrici dei lattanti al 100%, estate e inverno! Se il latte materno non è disponibile o se usate latte in polvere, é importante stare attenti ad utilizzare acque con un apporto minimo di minerali (residuo fisso < 50 mg/L ) e oligominerali (residuo fisso tra 50 e 500 mg/L) con contenuto di nitrati ≤10 mg/L. D’ora in poi controlliamo sempre le etichette delle acque che diamo  ai nostri bimbi!

Quanta acqua serve al giorno?

Ci ha colpito molto anche il fabbisogno di acqua nei bambini per non disidratarsi: dai 6 mesi ai 3 anni servono dal mezzo litro al litro al giorno, in etá scolare poco piú di un litro al giorno (8 bicchieri) e in adolescenza un litro e mezzo fino ai 2 litri al giorno, come gli adulti! L’acqua è anche la scelta migliore per assicurare al corpo una corretta idratazione, senza introdurre calorie e soprattutto senza rischi di carie.

IMG_7598 (1)Perché è importante idratare i bambini?

Da uno studio condotto in Italia emerge che il 67.2% dei bambini non sono sufficientemente idratati quando vanno a scuola. Per questo, è importante che chi si prende cura di loro ricordi spesso ai piccoli di bere durante tutta la giornata. I bambini infatti non hanno un senso della sete molto sviluppato quindi dobbiamo sempre offrire acqua anche se non la chiedono espressamente, perché perdono in proporzione molta più acqua rispetto agli adulti attraverso la respirazione e le altre funzioni vitali. La disidratazione è associata ad un peggioramento dello stato di salute mentale, fisico ed emotivo.

Perché ci piace la nuova bottiglia con tappo sicuro

La nuova bottiglietta Nestlé Vera Kids ci piace perché è comoda da portare in giro ed è pensata proprio per avvicinare i piccoli all’acqua in modo ludico grazie anche ai disegnini sull’etichetta. E poi é sicura ed é anche molto utile nella sua edizione limitata “Happy Night”. Quante volte i vostri bambini si svegliano di notte perché hanno sete? I nostri, tanteee! E chi si deve alzare per dargli da bere? Noi!!! Ecco, grazie Nestlé Vera per aver inventato la nuova versione di Kids che si illumina al buio grazie al tappo ed etichetta fluorescenti: aiutiamo i bambini a trovare facilmente la loro bottiglietta in piena autonomia senza l’aiuto di mamma e papà, da veri #NETuralKids!

 

Articolo in collaborazione con Nestlé Vera

nestle

condividi suShare on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Bambini, alzate le mani (e usatele bene)!

Work of the Hand in Montessori from Hollis Montessori on Vimeo.

Nell’era dei touch screen, l’educazione Montessori ricorda invece l’importanza dell’uso delle mani per l’apprendimento nella fascia di et a 3-15 anni.

Questo video ci ispira tantissime idee attivitá che sicuramente proporremo ai nostri #NETuralKids!

condividi suShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Imparare “in pancia” | Il nostro TED di Febbraio

Interessantissimo il Ted che vi proponiamo questo mese. Parla di apprendimento, ma soprattutto di luoghi “inusuali” dell’apprendimento. Lo sapevate che incominciamo ad imparare nell’utero della mamma?

E sapete che i neonati piangono con l’accento della lingua delle loro madri?

“Parte dell’apprendimento più importante avviene prima della nostra nascita, quando siamo ancora in utero.” La voce delle mamme viene riconosciuta come “familiare” dopo la nascita, e la sigla della loro soap opera preferita diventa spesso una delle canzoni più familiari dei piccoli! 🙂

Questo e tantissimo altro nelle parole di Annie Murphy Paul.

 

 

 

 

 

condividi suShare on Facebook3Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

945

22 dicembre 2016 • Le Famiglie Netural, netural family, Netural Kids

Stereotipi di genere: l’educazione inizia dai giocattoli

di Paola Panzeri, Senior Policy e Advocacy officer di COFACEpaola

 

“Ogni anno in dicembre, siamo sommersi di pubblicità per i regali di natale e ogni anno mi facevo la stessa domanda: ma tutto questo rosa è normale? Sono io che sono sfortunata e vedo bambini e bambine su pubblicità diverse, o è proprio così?

 

Con COFACE Families Europe lo scorso dicembre 2015 abbiamo lanciato una campagna sui social media, chiedendo a genitori e a chiunque volesse partecipare di inviarci foto di giocattoli e pubblicità, che mostrassero esempi positivi o stereotipi. La campagna, con l’hashtag #ToysAndDiversity ha avuto un buon successo e abbiamo deciso di andare più a fondo, con uno studio che ci facesse avere un’immagine più chiara di cosa ci fosse in Europa.

I primi anni della vita di un bambino sono fondamentali per il suo sviluppo e il gioco e i giocattoli contribuiscono a formare la personalità e gli interessi del bambino, influenzando così anche le scelte che farà nel suo futuro. Abbiamo quindi deciso, per cominciare, e per avere materiale abbastanza omogeneo, di guardare i cataloghi di giocattoli in diversi paesi europei. Con l’aiuto delle ONG che sono membre della rete di COFACE, con l’esperienza della campagna inglese “Let Toys Be Toys” e con il supporto scientifico di due professoresse universitarie, abbiamo raccolto i cataloghi e creato un questionario, composto da oltre 200 domande) che ci servisse per analizzarli.

Un anno dopo, ecco i risultati.
Abbiamo analizzato le immagini di 3125 bambini in 32 cataloghi di 9 paesi: Belgio, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Germania, Italia, Spagna, Svezia e Gran Bretagna.

  • 12 cataloghi erano divisi in sezioni “per maschi” e “per femmine”. 20 cataloghi non avevano questa divisione formale ma le sezioni e i giocattoli per maschio/femmina erano facilmente individuabili con il colore delle pagine (rosa e colori pastello per le bambine, colori più scuri e marcati per i bambini), dall’associazione di giocattoli nella stessa pagina (bambole e peluche per le femmine, treni e dinosauri per i maschi).
  • i maschi erano almeno due terzi dei bambini presenti in 5 sezioni (su 13 in cui era diviso il nostro questionario): videogames (67%), construzioni (69%), droni (72%), macchine e mezzi di trasporto (74%), guerra e armi (88%). Le femmine erano più di due terzi del totale solo in due sezioni: attività di cura, bambole (87%) e prodotti di bellezza (94,5%). Nelle altre sezioni, sebbene i numeri siano più bilanciati, si possono vedere delle grandi differenze guardando con quali giochi sono rappresentati i maschi e le femmine all’interno della stessa sezione (es. nella sezione “animali” i maschi giocano con dei dinosauri, le femmine coi peluches).
  • La sezione dei costumi e maschere è particolarmente interessante: nei cataloghi divisi tra per maschi/femmine, la sezione per maschi aveva costumi per supereroi, personaggi di film e cartoni animati e professioni, come dottore, pompiere, poliziotto.., la sezione per femmine aveva un numero ridotto di personaggi dei cartoni e professioni e un altissimo numero di principesse. Nei cataloghi formalmente non divisi, maschi e femmine apparivano vestiti, in pagine diverse, con lo stesso tipo di vestiti proposti nei cataloghi con categorie separate. Due proposte quindi completamente diverse. Ma se scegliamo noi per loro, proponendo solo una parte delle maschere e dei costumi disponibili, non stiamo influenzando le loro scelte? Non stiamo già dicendo come “è normale” che si immaginino?

Un’immagine rappresentava una ragazzina appesa a un muro, fissata con del nastro adesivo, per lasciare un ragazzino giocare tranquillamente. E’ importante ricordare che un’immagine, anche una sola, che rappresenti bullismo o potenziale violenza, è già troppo. Queste immagini che suggeriscono violenza, abuso, o bullismo devono essere assolutamente evitate.

  • Sui 3125 bambini, 2908 sono stati identificati come bianchi, 120 neri, 59 di famiglie miste, 31 asiatici, 7 medio-orientali.
    Su 3125 bambini, nessuno aveva disabilità visibili.

Lo studio completo è disponibile qui: www.coface-eu.org/en/Campaigns/ToysAndDiversity
Lo studio è stato appena pubblicato, ma la campagna non finisce qui: segnalateci immagini e idee con #ToysAndDiversity su facebook e twitter.

coface1

 

condividi suShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Nati per leggere: a Natale regalate un libro ai vostri cuccioli!

E’ possibile incontrare i libri prima di saper leggere? Molti adulti sono convinti di no! Invece, se anche la personalità e lo sviluppo di ogni bambino sono molto diversi, i libri e la lettura somministrati a dosi giuste presto possono diventare fedeli compagni e amici di crescita inseparabili.

Questo è l’obiettivo di Nati per Leggere, il progetto nazionale per promuovere la lettura ai bambini dal primo anno di vita. Recenti ricerche scientifiche dimostrano come il leggere con una certa continuità ai bambini in età prescolare abbia una positiva influenza sia dal punto di vista relazionale (è una opportunità di relazione tra bambino e genitori), che cognitivo (si sviluppano meglio e più precocemente la comprensione del linguaggio e la capacità di lettura). Inoltre si consolida nel bambino l’abitudine a leggere che si protrae nelle età successive grazie all’approccio precoce legato alla relazione.

Nati per Leggere diffonde la lettura “a bassa voce“, la lettura di relazione. E riconosce quindi un ruolo fondamentale al genitore in questa funzione.

Ci crediamo talmente tanto che nel nostro NETural Family Point di Matera (Casa Netural) abbiamo realizzato la Bibliomater! Uno spazio attrezzato dedicato alla lettura con i nostri piccoli.

bibliomater

Condividiamo con voi i suggerimenti giusti per avviare questa pratica ricca di significato con i vostri bambini.

Cosa leggere

Nati per Leggere propone una bibliografia selezionata per guidare le scelte dei genitori e dei futuri lettori.

Perchè leggere

Leggere ad alta voce ai bambini fin dalla più tenera età è una attività coinvolgente: rafforza la relazione adulto bambino ed è la singola attività più importante che i genitori possano fare per preparare il bambino alla scuola. Un bambino che riceve letture quotidiane avrà un vocabolario più ricco, si esprimerà meglio e sarà più curioso di leggere e di conoscere molti libri.

Leggere ad alta voce è piacevole e crea l’abitudine all’ascolto, aumenta i tempi di attenzione, accresce il desiderio di imparare a leggere.

La vostra voce è magia per il bambino. L’elemento che più conta è lo stare insieme, condividere la lettura come un’attività semplice. Non sono richieste doti particolari di bravura o di tecnica, è sufficiente seguire il testo e intraprendere con il bambino una lettura dialogica, ricca di scambi affettivi.

Quando leggere con i bambini

  • si può riservare alla lettura un momento particolare della giornata: prima del sonnellino o della nanna, dopo i pasti, scegliendo dei momenti durante i quali siete entrambi più tranquilli, bastano pochi minuti al giorno
  • se il bambino si agita o è inquieto non è bene insistere
  • si può approfittare dei momenti di attesa: durante un viaggio, dal medico; la lettura sarà di conforto al bambino quando è malato

Come condividere i libri con i bambini

  • scegliere un luogo confortevole dove sedersi
  • fargli vedere la copertina e parlare del contenuto del libro
  • recitare o cantare le filastrocche del suo libro preferito
  • eliminare le altre fonti di distrazione – televisione, radio, stereo
  • tenere in mano il libro in modo che il vostro bambino possa vedere le pagine chiaramente
  • indicargli le figure, parlategliene; quando sarà più grande, fare indicare a lui le figure e lasciarlo girare le pagine da solo
  • leggere con partecipazione, creare le voci dei personaggi e usare la mimica per raccontare la storia
  • variare il ritmo di lettura: più lento o più veloce
  • fargli domande: cosa pensi che succederà adesso?
  • lasciare che il bambino faccia le domande e cogliere l’occasione per rispondere anche oltre la domanda
  • fare raccontare la storia dal bambino, ma ricordare che questo accadrà solo verso i 3 anni
  • lasciare scegliere i libri da leggere al bambino
  • rileggergli i suoi libri preferiti anche se lo chiede spesso e questo annoia
  • portarlo in biblioteca dove troverà un luogo accogliente e una vasta scelta di libri
condividi suShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Benvenuta Silvia e il supporto alle famiglie NETuralFamily

Siamo molto felici di accogliere sul nostro blog Silvia Sellitto, psicologa, specializzata in genitorialità e psicologia perinatale. Silvia curerà il nostro Sportello Genitori online, un nuovo servizio di NETural Family per le famiglie che hanno bisogno di un supporto, di un consiglio e che soprattutto non vogliono sentirsi sole nell’affrontare le tante situazioni quotidiane di crescita familiare.

img_9806

Lo Sportello è il primo di una serie di servizi di supporto a distanza che attiveremo, con l’obiettivo di essere presenti nella vita di tante famiglie NETural come aiuto concreto quotidiano.

Ma conosciamo Silvia più da vicino.

Silvia é una psicologa che si occupa di genitorialità e psicologia perinatale in ambito pubblico e privato. Crede molto nel rispetto dell’unicità di ogni famiglia, della sua storia e dei suoi bisogni, inoltre é una fiera sostenitrice del contatto e del gioco per la promozione del benessere del bambino e di tutta la famiglia.
Dopo essersi formata a Milano e Londra, attualmente vive e lavora a Firenze dove si occupa di uno sportello per la genitorialità e organizza per le mamme e i loro partner gruppi di supporto post-partum basati sulla promozione della comunicazione tra i genitori e i loro bambini.

L’Accesso al servizio è gratuito per la prima consulenza e successivamente ha un costo stabilito dal professionista coinvolto.

(Se siete interessati, qui trovato la pagina dedicata allo Sportello!)

condividi suShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Qual è il segreto di una famiglia felice? Provarci! (TEDtalks)


Come ogni mese, vi proponiamo, grazie alla piattaforma internazionale TED, un talk di ispirazione dedicato alla famiglia.

Quello di questo mese parla di felicità familiare e di metodi di organizzazione dell famiglia che riducono notevolmente lo stress e il peso della quotidianità.

Bruce Feiler prende spunto da alcuni dei più innovativi processi aziendali di organizzazione del lavoro per applicarli alla famiglia, innanzitutto alla sua , e ci racconta di risultati davvero convincenti.

Bruce esordisce affermando che “Quasi tutti sono completamente sopraffatti dal caos della vita familiare” ed effettivamente ci confrontiamo spesso con genitori “schiacciati” dalle cose da fare e da organizzare ad incastro rispetto anche alle loro vite professionali e che ci comunicano davvero la fatica di portare avanti la gestione di tutto.

Feiler ci propone di applicare il metodo “Agile”, molto diffuso nelle aziende più innovative della Silicon Valley, anche in famiglia.

Ecco un elenco di quelli che potrebbero essere gli ingredienti per costruire una buona felicità familiare:

  1. Adattatevi in continuazione
  2. Siate flessibili, con una mentalità aperta, fate prevalere le idee migliori
  3. Responsabilizzate i vostri figli
  4. Raccontate la vostra storia e quella delle vostre famiglie, raccontate loro da dove vengono
  5. Raccontate i momenti negativi e non solo quelli positivi della vostra vita e le soluzioni che avete trovato

In fondo, come Bruce Feiler ci insegna: “la felicità non è qualcosa che si trova ma è qualcosa che si costruisce”.

Buona visione!

 

 

condividi suShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading