Guida ai Voucher Baby-sitter e Asili Nido 2017!

La buona notizia è che tutte le mamme lavoratrici, dipendenti pubbliche, private, iscritte alla gestione separata o lavoratrici autonome hanno diritto ai voucher.
Non ci sono condizioni di limite ISEE da rispettare, ma è bene ricordare che il Voucher è alternativo al godimento dei mesi di congedo parentale.

Ma andiamo con ordine.

Cos’è il voucher?

Un contributo economico fino a 600 Euro al mese per l’acquisto di servizi per l’infanzia: baby sitter o asili nido pubblici o privati accreditati.

Chi ne ha diritto?

Tutte le mamme lavoratrici dipendenti pubbliche, private, iscritte alla gestione separata o lavoratrici autonome che si trovino al momento di presentazione della domanda ancora negli 11 mesi successivi alla conclusione del periodo di congedo obbligatorio di maternità.

Per quanto tempo?

Per tutto il periodo di congedo parentale non obbligatorio (6 mesi).

Ma sono ammesse alla presentazione della domanda anche le lavoratrici che abbiano già usufruito in parte del congedo parentale. In tal caso, il contributo potrà essere richiesto per un numero di mesi pari ai mesi di congedo parentale non ancora usufruiti, con conseguente riduzione di altrettante mensilità di congedo parentale; non è possibile richiedere il contributo per frazioni di mese.

Come si accede?

Si può provare a fare tutto da sole, e qui trovate le istruzioni per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici autonome per presentare domanda entro il 31 dicembre 2018 (o fino ad esaurimento fondi), oppure ci si può rivolgere a un patronato o CAF, del proprio territorio. Tutte le informazioni sul sito INPS.

 

 

 

condividi suShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *