figli Tag Archive

1290

8 agosto 2018 • netural family, Netural Kids

Ode alla famiglia in adolescenza

Sono mamma di tre figli meravigliosi, tanto desiderati e altrettanto impegnativi, com’è giusto che sia per tre bambini di età diverse tra loro. Ops, per due bambini e un ragazzo…

di Mariella Stella

C’è la piccola, l’ultima arrivata in famiglia, la femminuccia tanto attesa, un peperino vero di soli 13 mesi, il quattrenne con una carriera da attore consumato e animale da palcoscenico e c’è lui, il ragazzo, quasi 12 anni tra poco più di un mese, appena entrato in adolescenza.

Si perchè i tempi sono cambiati, si diventa adolescenti molto prima di noi, e noi abbiamo scoperto che in famiglia ci siamo dentro.

L’abbiamo attesa con timore l’innominabile, quasi con terrore stando ai racconti degli amici che già ci avevano a che fare, racconti da far tremare i polsi. Ma noi abbiamo deciso che non potevamo lasciare che ci avesse, che ci stritolasse nelle sue spire, abbiamo studiato noi, abbiamo provato a leggere libri per prevedere lo tsunami che stava per abbattersi sulla nostra famiglia, abbiamo fatto fiumi di discorsi su come sarebbe stato e su cosa non avremmo mai dovuto fare e dire, perchè “Quando eravamo adolescenti noi, altro che comandare…”

Poi silenziosamente (neanche troppo in realtà), e inesorabilmente, le porte dell’adolescenza si sono aperte e senza rendercene conto, chiedendoci se in realtà non fosse già successo da qualche anno e non ce ne fossimo accorti, ci siamo ritrovati a vivere con una persona nuova in casa.

Il primo indizio lo abbiamo trovato una mattina entrando in camera sua. Un odore acre, da adulto, ci ha travolti, soffocando in gola il consueto “Buongiorno” del mattino e da quel momento una nuova domanda ha cominciato a farsi ricorrente nelle nostre giornate insieme: hai fatto la doccia?

Una domanda per nulla scontata, che se in passato rappresentava niente altro che una gioiosa affermazione da condividere con i nostri piccoli, del tipo: Evviva, bagnetto!! oggi assume i contorni di una domanda non troppo retorica e che spesso conosce una risposta ricorrente: Perchè? Puzzo? E allora giù con tutti gli insegnamenti appresi rispetto al fatto di non far sentire un adolescente un problema, sul fatto di non usare linguaggi che possano urtarne la sensibilità, sulla delicatezza educativa da adottare per non scalfire l’autostima, sempre ballerina a quella età.

Abbiamo provato a usare risposte del tipo: No, vabbè, che c’entra, magari ti va di fare una doccia, magari ti fa sentire meglio, etc.

Dopo alcuni mesi però abbiamo capito che la risposta più efficace è soltanto una: “Si puzzi!” e lui, con fare svogliato e provando a difendere invece la nobilità degli odori, si chiude in bagno, scocciato, per darsi una lavata.

Dopo alcuni mesi di adolescenza in famiglia abbiamo capito che con un adolescente, spesso, le domande e le risposte dirette possono essere molto più efficaci dei giri di parole. I giri di parole li usavi quando erano piccoli, quando per invitarli a mangiare raccontavi storie fantastiche di patate animate e regni delle verdure, oggi se solo provi a usare una metafora poetica per descrivere un fatto quotidiano lo vedi alzare le sopracciglia ad arco a tutto sesto e guardarti sconvolto. Allora devi ricorrere a parole concrete e dimostrare di essere perfettamente padrone di te stesso per comunicare quello che vuoi dire, per evitare poi che il discorso prenda una deriva lessicale umiliante.

Che dire, forse ci è capitato l’adolescente più razionale e precoce della terra, ma tant’è, ne prendiamo atto, la sfida è di quelle impegnative.

Il fatto è che tutti gli insegnamenti che gli hai trasmesso da bambino e che sembrava aver appreso così bene, vengono usati contro di te, prima che tu possa anche solo immaginare come.

E così “Amore, devi imparare a cavartela da solo” si traduce in una assenza di comunicazioni alla prima vacanza senza genitori, e alla domanda: “Amore ma perchè non mi hai chiamato?” segue la risposta “Mamma io so badare a me stesso, se non ti chiamo vuole dire che sto bene, se stessi male ti chiamerei” … ecco… o per esempio, al primo giudizio crudo espresso su un insegnante o una ragazza, di fronte al tuo invito a non dire proprio tutto ciò che gli passa per la testa, lui replica con competenza: “Beh mamma, non mi hai insegnato tu ad esprimere le mie idee e ad essere libero nel pensiero?”

Non è facile, vi assicuro, roba che metterebbe in difficoltà anche i migliori avvocati in circolazione. Fondamentalmente, un mucchio di sfide mentali e concrete che potrebbero generare crisi di identità nei genitori, moti di sconforto e sedute dallo psicologo.

E poi, se c’è una fortuna particolare e inconfutabile che è toccata in dote a noi genitori di adolescenti del terzo millennio e nativi digitali, è indubbiamente la scoperta delle scoperte: il cellulare.

Rispetto a quello non c’è manuale che tenga, non c’è letteratura nè vita vissuta, non c’è un riferimento educativo ai nostri genitori, se non, al massimo, fare riferimento a quando mettevano il lucchetto al telefono della SIP per non farci passare i pomeriggi a chiacchierare con le amiche. Rispetto a quell’oggetto diabolico, il cellulare, nel binomio con l’adolescente, non c’è sportello di aiuto, è tutta da inventare la strada.

Non starò qui a dirvi quali tecniche abbiamo messo in campo per contare il tempo e i minuti a disposizione, in un gioco delle cifre da far diventare scemi, soprattutto se mentre fai i conti, hai un quattrenne che sta tenendo uno spettacolo di giocoleria di cui ti considera il pubblico e una poppante che sta imparando a camminare arrampicandosi sui mobili. Insomma, quello strumento là è tutto da capire, servirebbero tavoli di confronto tra genitori in cui utilizzare il problem solving creativo per trovare soluzioni a prova di bomba.

In realtà questo tavolo non c’è ancora, e capita di sentirsi soli con un adolescente e di scoraggiarsi, di sentirsi a tratti deboli e spesso stanchi e sbagliati. Ed è così che mi sono sentita in questo primo anno di adolescenza in famiglia, fino a quando, dopo un pomeriggio di discussioni estenuanti su tutto, un giorno, guardandolo nel suo spazio, con i suoi amici, libero di esprimersi, ho capito una cosa.

Ho capito che forse il primo problema dell’adolescenza dei nostri figli è l’impatto che ha su di noi, sulle nostre certezze, sulle nostre convinzioni, sui nostri programmi per il futuro, sulle nostre comfort zone.

Forse l’adolescenza dei nostri figli è una prova di identità per noi, non solo per loro e probabilmente è la migliore opportunità che ci sia per far pace con se stessi e con i propri fantasmi.

L’adolescenza dei nostri figli rompe completamente i nostri schemi, ci obbliga a costruire nuove risposte o quantomeno a considerarle, ci obbliga ad andare oltre i dogmi della nostra educazione e a guardare anche ad altre soluzioni.

Mi spiego, non voglio dire che si debba fare ciò che dicono i nostri figli, per carità, ma intendo dire che forse dovremmo guardare con occhi nuovi alle sfide che ci propongono di affrontare.

Quel giorno in cui ho guardato mio figlio adolescente con altri occhi ho scoperto anche delle cose bellissime.

  1. Ho scoperto di aver messo al mondo un essere umano unico, splendido nelle sue contraddizioni e ribellioni, vivo nelle sue proteste e nei suoi tentativi di autoaffermazione;
  2. Ho scoperto che quell’uomo lì ha dei gusti, magari lontanissimi dai miei, ma, evviva, sono i suoi, tutti suoi, senza condizionamenti. E ho pensato che non avrei voluto scoprire di non avergli dato uno spirito critico e la capacità di scegliere ciò che ama e ciò che no.
  3. Ho guardato al suo nuovo stile, forse troppo omologato lo confesso, ma nuovo, con un suo perchè di fondo, e anche se alla ricerca di omologazione per ora, in fondo credo che sia il segno della voglia di sentirsi parte di una comunità di riferimento.
  4. Ho imparato ad ascoltare le sue idee, spesso diverse dalle mie, ma davvero interessanti vi assicuro su molti fronti, e quelle idee spesso aprono mondi nuovi anche per me.
  5. Ho scoperto nuova musica. Voi la conoscete la trap? Io non la conoscevo, ora sì, certo: Vegas Jones, Ghali, i Dark polo gang… che dire… ci sono dei pezzi che mi piacciono proprio, e soprattutto adoro cantare con lui quei pezzi, mi fa sentire in squadra con il mio ragazzo e sento che lui adora farlo con me, anche se, ovviamente, non lo dice!
  6. Ho imparato a camminare insieme a lui senza sbaciucchiarlo e tenergli la mano, tanto poi lui mi abbraccia quando meno me lo aspetto a casa, mi dice mille volte che mi vuole bene, ma in pubblico è così, non si usa tanto da adolescenti e va bene lo stesso, non sarà questo a mettere in dubbio l’amore che ci lega.
  7. Ho imparato che se provo a trasformare la dialettica accesa che si innesca tra noi su certi argomenti in dialettica costruttiva, ascoltando le sue ragioni, mettendo in chiaro che non voglio cambiarlo o che non voglio obbligarlo ad ogni costo a fare ciò che dico, le cose si mettono meglio per tutti.
  8. Ho capito che se stabiliamo delle regole comuni e condivise e se siamo i primi a dare l’esempio nel rispettarle, è più facile che lui le rispetti, anche quando è faticoso.
  9. Ho imparato che se lo guardo per quello che sta diventando, un uomo nuovo in crescita, se gli faccio sentire che esiste con tutte le sue “specialità” e contraddizioni per noi, che non è un problema la sua adolescenza, ma un’occasione fantastica di crescita per tutta la famiglia, lui si sente accolto, si sente al posto giusto.
  10. Infine, ho imparato che ci vuole tanta pazienza con un figlio adolescente in casa, tanta tolleranza e tanta apertura alla diversità, ma che forse è proprio ora, proprio in questo momento, che noi stessi stiamo diventando adulti migliori con lui.

La famiglia in adolescenza, in fondo, può rendere tutti migliori e se considero che siamo solo ai 12 anni, avremo ancora molto, molto tempo per migliorare. 🙂

 

condividi suShare on Facebook115Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Dare “spazio” ai genitori

Siamo molto orgogliose di far parte di un progetto nato da una delle realtà più attive della nostra rete: Archilabò.

Dalla sensibilità e la competenza di tanti genitori già coinvolti in Archilabò a Bologna, infatti, è nato  lo #SpazioGenitori: un luogo in cui sentirsi compresi e accolti, un gruppo che non si focalizza sui problemi ma sulle soluzioni, una community di genitori con bisogni speciali, supportata da esperti del mondo della scuola e delle dinamiche famigliari.
 Lo spazio di confronto è nato per diffondere una nuova cultura dell’inclusione e per sentirsi supportati in un percorso non sempre facile. Per questo motivo i temi degli incontri sono stati definiti assieme ai genitori e organizzati in modo da rendere gli appuntamenti inclusivi per mamme e papà.

Ci piacerebbe che nascessero spazi simili in tutta Italia, perché siamo consapevoli che, a volte, essere genitori vuol dire anche sentirsi soli in alcune tappe della vita dei nostri figli e poter contare sul supporto di figure esperte o di altri genitori con le nostre stesse necessità rappresenta un primo passo importante di crescita ed evoluzione e ci rassicura nelle sfide che ci attendono.
Vi ricordiamo che per lo stesso motivo è nato anche il nostro Sportello on line per genitori con Silvia Sellitto.

19105785_1915569018724021_4206307407699979202_n

Per informazioni sullo #SpazioGenitori di Archilabò potete consultare questo link


Per iscrivervi

Per ulteriori richieste c’è l’email 

Il numero di telefono di riferimento è  
>> 393 9981313
Si parte da settembre 2017 fino ad aprile 2018!
Il progetto è realizzato in collaborazione con NETural Family e con il supporto di #Virginia: supporto alla genitorialità |#CentroAmpia – altri modi per insegnare e apprendere
condividi suShare on Facebook9Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading

Benvenuta Silvia e il supporto alle famiglie NETuralFamily

Siamo molto felici di accogliere sul nostro blog Silvia Sellitto, psicologa, specializzata in genitorialità e psicologia perinatale. Silvia curerà il nostro Sportello Genitori online, un nuovo servizio di NETural Family per le famiglie che hanno bisogno di un supporto, di un consiglio e che soprattutto non vogliono sentirsi sole nell’affrontare le tante situazioni quotidiane di crescita familiare.

img_9806

Lo Sportello è il primo di una serie di servizi di supporto a distanza che attiveremo, con l’obiettivo di essere presenti nella vita di tante famiglie NETural come aiuto concreto quotidiano.

Ma conosciamo Silvia più da vicino.

Silvia é una psicologa che si occupa di genitorialità e psicologia perinatale in ambito pubblico e privato. Crede molto nel rispetto dell’unicità di ogni famiglia, della sua storia e dei suoi bisogni, inoltre é una fiera sostenitrice del contatto e del gioco per la promozione del benessere del bambino e di tutta la famiglia.
Dopo essersi formata a Milano e Londra, attualmente vive e lavora a Firenze dove si occupa di uno sportello per la genitorialità e organizza per le mamme e i loro partner gruppi di supporto post-partum basati sulla promozione della comunicazione tra i genitori e i loro bambini.

L’Accesso al servizio è gratuito per la prima consulenza e successivamente ha un costo stabilito dal professionista coinvolto.

(Se siete interessati, qui trovato la pagina dedicata allo Sportello!)

condividi suShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Continue reading