466

24 Giugno 2020 • articoli_home, Netural Travel, Senza categoria

Viaggiare con bambini: gli indispensabili in valigia

di Rita Scalcione

La guida su cosa portare in viaggio per un’organizzazione perfetta e senza ansie.

E’ arrivata l’estate, la stagione delle vacanze. Viaggi al mare o in montagna, a corto o lungo raggio, arriva prima o poi il momento di preparare la valigia. Panico. C’è chi fa parte del team zaino in spalla e chi invece si porta dietro mezza casa. Ma quando si hanno bimbi piccoli improvvisamente tutto ci sembra indispensabile e ci ritroviamo a fare un trasloco per un weekend al mare.

Ma allora cosa serve davvero mettere in valigia quando si viaggia con i bambini?

Negli anni credo di aver affinato la tecnica bagaglio e l’organizzazione è diventata semplicissima e senza troppe ansie. Un conto è andare in macchina dove puoi anche permetterti di portare più cose, un’altro è andare in aereo dall’altra parte del mondo e hai già mezza valigia piena di pannolini.

In questo primo articolo dedicato a “Gli indispensabili in viaggio” cercherò di mostravi alcuni trucchi e alcuni oggetti che ci rendono la vita da viaggiatori con bimbi a seguito più semplice del previsto. Iniziamo?

LA VALIGIA: quale comprare per il piccolo viaggiatore?

Personalmente trovo più comodo avere una valigia per ogni componente della famiglia. Questo ci permette, soprattutto nei viaggi itineranti, di avere ognuno le proprie cose a portata di mano senza disfare il bagaglio ogni volta che si cambia alloggio.

Da quando sono piccolissimi usiamo per entrambi il Trunky: un trolley cavalcabile ,piccolo ma resistentissimo. Potete scegliere tra tante forme divertenti ed è fatto per essere cavalcato dai piccoli viaggiatori che potranno essere trasportati per tutto l’aeroporto ( o trasportarlo da soli quando sono più grandicelli). Inoltre nelle lunghe attese i bimbi posso sedersi su di esso comodamente. La trovo anche un’originale idea regalo. Secondo la mia esperienza può andar bene fino agli 8 anni al massimo.


Altri modelli che hanno suscitato il mio interesse sono il Trolley Monopattino 


e il più economico, ma funzionale, Cabin Max versione baby (prezzo 34,50). Leggerissimo ma super capiente e con un simpatico porta peluche per chi non sa separarsi dal suo orsetto della nanna.

Non è tra i più economici, ma il marchio Stokke non delude mai:JetKids™ di Stokke® è una valigia cavalcabile ma utilizzabile in volo come lettino o poggiapiedi. La valigia cavalcabile è adatta a bambini dai 3 ai 7 anni; il lettino è più indicato per i bambini al di sopra dei 2 anni.

In valigia usiamo sempre degli organizer, così sappiamo esattamente dove si trova tutto ciò che portiamo e lo troviamo con facilità. Io ho preso su Privalia quelli della Seletti. Coloratissimi e lavabili in lavatrice una volta a casa. In più, su ogni sacchetto c’è l’immagine della categoria di appartenenza del contenuto ( intimo, accessori, cosmetici, elettronica, biancheria sporca e medicinali).

ZAINETTO: per avere sempre tutto a portata di mano

Oltre alla valigia, ognuno dei bimbi ha un proprio zainetto. Questo permette di avere tutto il necessario per il viaggio, dall’acqua, ai giochi, al cambio sempre a portata di mano. Una volta arrivati sul posto diventa anche lo zaino per le escursioni o per la spiaggia. Trovo più comodi i modelli con la fibbia di chiusura sul petto, in modo che lo zaino non caschi continuamente dalle spalle.

Abbiamo usato uno modello della Skip Hop Zoo quando erano piccolissimi. Su Tutete.com potete anche personalizzarlo con il nome del bambino.

Zaino Skip Hop Zoo con redinella

Questo in particolare ha una redinella che permette al genitore di tenere il bimbo sotto controllo, lasciandolo muovere in completa autonomia soprattutto in luoghi affollati.

Adesso stiamo usando invece degli zainetti della Affenzahn ,con doppia tasca e porta borraccia laterale.

Zainetti Affenzahn


In commercio ci sono tantissime altre marche che ricordano gli zaini da trekking degli adulti, più capienti e sicuramente impermeabili, come ad esempio quelli della Deuter o Ergobag , ergonomici e sostenibili. Anche Decathlon offre delle valide alternative a poco prezzo.


Borraccia

Cerchiamo di essere sempre attenti all’ambiente ed evitare l’uso di bottigliette di plastica, soprattuto in posti del mondo dove la plastica è difficile da smaltire. In alcuni aeroporti ho visto anche delle fontane di acqua potabile per riempirle. La borraccia perfetta è quella termica, priva di BPA e ftalati.

La nostra è del marchio norvegese BLAFRE. La trovate su Family Nation assieme ai tappi accessori.

Ma a mio avviso, la migliore in assoluto è quella della Pure Kiki. Può essere utilizzata per anni con il semplice cambio del beccuccio. C’è anche il beccuccio Biberon per usarla sin dalla nascita.

Passeggino, marsupio, seggiolino, alzasedia….aiuto ci vorrebbe un tir!

Tranquilli, più crescono e meno ingombrante diventa il carico che ci portiamo dietro. Ma quando sono ancora piccoli bisogna pensare a trasportarli in giro per il mondo nella maniera più comoda possibile.

Il passeggino oggetto dei desideri è lo YoYo Babyzen. Si apre e si chiude in un batter d’occhio, può essere portato a tracolla e si infila ovunque, soprattutto in aereo nella cappelliera. Se volate spesso io ci farei un pensierino.

YoYo Babyzen entra nella cappelliera dell’aereo

Ci sono alternative più economiche con modelli altrettanto leggeri. Ma ricordatevi che la maggiorparte dei passeggini vanno in stiva. Consultate i regolamenti della compagnia aerea con cui viaggiate, ma ormai quasi tutte prevedono il trasporto gratuito del passeggino.

Alcuni viaggi però sono impossibili da fare con il passeggino. In questo caso una fascia porta bebè o un marsupio possono salvarci la vita. Ricordo ancora le scale delle metro parigine e di quanto ci sia stato utile avere con noi un marsupio. Noi abbiamo optato per un Ergobaby, che ricomprerei altre mille volte.

Arriva il momento della pappa. Non tutti i ristoranti hanno un seggiolone e portarci dietro un alzasedia non è proprio comodissimo. La mini sedia di Mini Monkey ( 25,00 euro) occupa pochissimo spazio e ci permette di mangiare in tutta tranquillità senza dove tenere il piccolo in braccio.

Alzasedia Pieghevole Mini Monkey utilizzabile dai 6 mesi

Se siete amanti dei viaggi on the road e noleggiate una macchina in loco ricordate di pensare ai seggiolini. La sicurezza prima di tutto. Noi abbiamo sempre imbarcato (gratuitamente) i nostri Cybex perché sappiamo che sono ultra sicuri e perché noleggiarne due per volta non è proprio così economico. Abbiamo anche acquistato due sacche per poterli imbarcare al sicuro, evitando che si rompano in stiva o che si bagnino nel tragitto aereo/aeroporto.

Non gli ho provati, ma mi hanno incuriosito questi due modelli da viaggio poco ingombranti.

Il modello Urban Kanka è pieghevole, leggero e facile da installare.


E’ ancora Trunky che con BoostaPakc ci offre una comoda soluzione di zaino che si trasforma in rialzo auto per i più grandi.

Medicinali

Anche se nella maggiorate dei paesi possiamo comprare l’occorrente in farmacia, trovo che sia sempre meglio avere un piccolo kit di emergenza con i farmaci più usati. Parlatene con il pediatra, a seconda del paese che visitate potrebbero servirvi farmaci diversi. Si spera di lasciarlo intatto il kit farmaci, ma in alcuni casi potrebbero servirvi medicinali che sul posto sono introvabili, così come potrebbe occorrere un semplice antipiretico nel pieno della notte.

Giochi e passatempo

La domanda che spesso ci viene fatta è: ma come fate a fare tante ore di viaggio? Non siamo assolutamente amanti dell’intrattenimento digitale. Preferiamo di gran lunga attività più stimolanti e, in viaggio, se ne possono fare tantissime.

Nel loro zainetto c’è sempre qualche libricino di attività. Usborne, ad esempio, ha un’infinità di libri, di giochi e attività da fare un viaggio. Nel loro catalogo c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Da Tiger trovo sempre qualche gioco di piccole dimensioni, oltre agli stikers che si divertono ad attaccare sui loro quadernetti.

Fogli e colori vincono! Sempre da Tiger ho trovato dei mini colori che sono i salvavita perfetti sia nelle attese in aeroporto che, ad esempio, al ristorante. Anche le carte sono un valido alleato. I miei figli amano quelle della DJECO. Ce ne sono per ogni età.

L’ultima arrivata è una piccola macchina fotografica digitale . Queste sono a prova di piccole mani e di caduta accidentale . Per fotografare tutto camminano anche kilometri ed è bello poi rivedere i viaggi nei loro scatti da piccoli fotografi.

Questi sono solo alcuni consigli su come potersi organizzare al meglio se si viaggia con i bambini. Ho visto famiglie di 5 persone viaggiare con due zainetti e famiglie di 3 con bagagli enormi. Noi siamo una via di mezzo. Ogni volta che partiamo cerchiamo di ridurre sempre di più il bagaglio. In fondo i bambini esistono in tutto il mondo, quindi a volte è inutile caricarsi di oggetti che possiamo trovare sul posto.

E voi a che team appartenete? Zaino in spalla o trasloco per due giorni al mare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *