Viaggio in Camargue con bambini

di Rita Scalcione

Parc ornithologique de Pont de Gau,

Una terra dall’animo gitano. Sulle tracce di Van Gogh, tra fenicotteri rosa, cavalli bianchi e campi immensi di girasoli.

Quando abbiamo programmato il nostro viaggio on the road nel sud della Francia avevo in mente una foto vista su qualche blog di viaggi che rappresentava centinaia di fenicotteri rosa. Mia figlia era nel “periodo fenicottero” ( adesso è in quello unicorno quindi non potrei accontentarla :)) e noi eravamo in giro nella Francia del sud. Ecco che allora….si va in Camargue!!!

La nostra base per visitare questa terra è stata Arles. Come di consueto scegliamo un appartamento immerso nel verde, a pochissimi chilometri dalla città. E’ all’interno di un residence con tanto di lago, ampi spazi all’aperto e piscina comune. La casa ha delle vetrate enormi a durante la cena, ad un certo punto mia figlia urla: “mamma guarda in cielo una freccia fatta di uccelli”. Ed in effetti lo spettacolo degli uccelli in volo che ti offrono i cieli della Camargue è incredibile. Sedentari o migratori, ogni anno sono migliaia le specie che si possono osservare in questa zona.

La danza dei fenicotteri rosa di Pont de Gau

La mattina seguente la nostra prima tappa sarà proprio il Parc ornithologique de Pont de Gau, la casa dei fenicotteri rosa. Qui infatti è possibile ammirare questi bellissimi esemplari da vicinissimo. Con il territorio paludoso e le saline, questo è il loro habitat naturale.

Parc ornithologique de Pont de Gau,

Il costo del biglietto per accedere al parco è di 7,50 per gli adulti e 5 euro per i bimbi dai 4 ai 12 anni. All’interno si percorrono vari sentieri immersi nella natura dove poter ammirare centinaia e centinaia di fenicotteri rosa. Questi animali elegantissimi rubano certamente la scena al resto della fauna presente al parco, ma siete appassionati di birdwatching potete passare qui svariate ore perché ci sono davvero tantissime specie di volatili.

Il periodo migliore per vedere i fenicotteri in Camargue è quello della primavera, da metà Marzo a metà Giugno. Ma se siete fortunati potete trovarli anche fino a inizio luglio.

Come di consueto noi siamo arrivati in orario di apertura godendoci un parco quasi tutto esclusivamente per noi. All’interno non ci sono punti di ristoro, ma dei tavoli da più nic dove poter consumare una merenda all’ombra.

Salutiamo gli amici fenicotteri per una delle mete più affascinanti di tutto il viaggio…Saintes Maries de la Mer.

Saintes Maries de la Mer

Questo, dopo Porquerolles, è probabilmente il luogo dove avrei passato più tempo. Non amo le vacanze stanziali, ma se non avessimo fatto un viaggio on the road io qui ci sarei stata l’intera settimana.

Questo minuscolo paesino sulla costa della Camargue ha qualcosa di magico. Sarà il profumo del mare o i bellissimi ristoranti e negozietti boho style che ci sono nei vicoli di casette bianche , sarà il suo animo gitano, o gli artisti di strada che suonano la chitarra in piazza. Non so se avete presente la sensazione di andare in un posto e sentirsi improvvisamente bene, felice.

Giugno non è un periodo di grande affollamento, eppure trovare posto al ristorante non è stato semplicissimo. Quindi se siete qui in periodi di alta stagione tenete conto che il paese è molto piccolo e potete trovare tantissima gente.

Appena fuori dal centro si può lasciare l’auto e raggiungere la piazza principale. Qui c’è la chiesa romanica dedicata alle tre Marie che ha l’aspetto di una vera e propria fortezza. All’interno visitate la cripta che custodisce le reliquie di Santa Sara, onorata dalla festa dei Gitani del 24 maggio attraverso un vero e proprio pellegrinaggio.

La leggenda narra che fu questo lembo di terra lungo il delta del Rodano ad accogliere Maria Maddalena, Maria Jacobé, Maria Salomé e la loro serva Sara, cristiane perseguitate fuggite dalla Palestina su una barca senza timone e senza remi.

Se volete una vista suggestiva potete salire sul tetto della Chiesa all’ora del tramonto.

La giornata è particolarmente calda e decidiamo di fare un bagno al mare e fermarci in una delle tante spiagge libere, ma non prima di aver gustato una buonissima paella, piatto tipico del posto.

La paella è uno dei piatti tipici della zona con forte influenza spagnola

Se avete ancora tempo ecco cosa potete fare in zona:

  • Visitare la cittadina fortificata di Aigue Mortes e raggiungere le Salines di Giraud che offrono uno spettacolo tutto rosa, dovuto al colore del sale;
  • Fare una gita in battello con lo scenografico TIKI III per esplorare via fiume il territorio tra tra cavalli bianchi e e mandrie di tori neri;
  • Fare una passeggiata a cavallo. Ci sono numerosi maneggi lungo la strada che hanno offerte per tutti i gusti;
  • Noleggiare una bici e raggiungere il faro
Uno dei tanti maneggi della Camargue

Arles, sulle tracce di Van Gogh

“La notte stellata sul Rodano” è uno dei tanti dipinto del famoso pittore che rappresentano questa bellissima cittadina, dove lui ha trascorso il periodo più tormentato ma più prolifico della sua vita.

All’Ufficio del Turismo potete prendere un opuscolo che vi guiderà attraverso un itinerario delle sue opere e vedere per la città le riproduzioni di alcuni suoi celebri quadri. Non potete inoltre escludere dalla vostra visita la Fondation Vincent van Gogh . All’interno c’è anche un bookshop ben fornito con tante chicche sull’artista.

Terrazza del caffè di place du Forum

Una volta arrivati ad Arles ci accorgiamo che c’è una festa in costume. Incuriositi dai particolari abiti della sfilata, decidiamo di raggiungere il Teatro Antico per assistere all’evento che ha divertito tantissimo i bambini. Il resto della giornata ci perdiamo tra le strade di questa bellissima città, il cui centro storico ancora intatto è dal 1981 Patrimonio dell’Umanità Unesco. Farete un tuffo nel periodo romano tra l’Anfiteatro e le Terme di Costantino. Un giorno non basta se volete visitare tutti i siti , ma se volete entrare in alcuni dei moumenti potete optare per una city card. L’ufficio del turismo è davver ben organizzato e vi permette di programmare la vostra giornata in città per tutte le esigenze.

Arles

Con la Camargue si conclude il nostro viaggio on the road nella Francia del Sud. Qui trovate il nostro itinerario completo. Qui invece le altre tappe in Provenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *